Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1

    Notizie sulla diablotio

    tratto da: http://www.investopedia.com/terms/w/wto.asp

    "non so se il sito sia attendibile" a breve tradurrò ciò ke c'è scritto if u care

    The World Trade Organization (WTO) was created January 1, 1995, and it has been a source of controversy ever since. The birth of the WTO was more of a continuation than a truly new creation. Its predecessor, the General Agreement on Tariffs and Trade (GATT), shared its lineage with Bretton Woods-inspired bodies like the International Monetary Fund (IMF) and the World Bank. The idea behind these organizations is that impartial politicians could create a more efficient global economy than the chaotic interaction of free market forces. (The WTO sets the global rules of trade, but what exactly does it do and why do so many oppose it? Learn more in What Is The World Trade Organization?)

    Politics and Trade
    In theory, members of the WTO gain access to each other's markets on even terms. This means that no two nations can have sweetheart trade pacts without granting the same terms to every other nation, or at least every other nation in the WTO. However, some critics argue that in practice, the WTO has become a way to force politics into trade causing long-term problems.

    One problem that many WTO critics point to is apparent concessions the organization has made to its charters. The most striking example is the system of tariff brokering that takes place through an organization designed to reduce barriers to trade. The WTO rules allow a nation to protect certain industries if the removal of tariffs would have undesirable side effects, which include the loss of vital domestic industries. Food production is one of the most common, but steel production, auto production and many others can be added at the discretion of the nation. More worrisome is a push by developed nations to have labor effects – job loss, reduced hours or wages – added to the list of reasons for justified tariffs. (For everything you need to know - from the different types of tariffs to their effects on the local economy - check out The Basics Of Tariffs And Trade Barriers.)

    The War on Tariffs
    A tariffs is a general tax levied upon all purchasers of a particular product and it can have negative side effects. The proceeds from the tariff end up in government coffers. This raises revenue and may protect domestic industries from foreign competition. However, the resulting high price of foreign goods allows domestic makers to raise their prices as well. As a result, a tariff may also work as a wealth transfer tax that uses public money to support a domestic industry that is producing an uncompetitive product.

    So, while unwinding the tariff might hurt the workers in that industry, it could lessen the burden on everyone else. The WTO has gotten into the business of brokering tariff agreements, which has opened it up to criticism.
    ...

    Operating Behind the One-Way Mirror
    Many critics of the WTO also contend that the organization has struggled with one of the basic goals it set for itself: transparency. Even in one of its main functions - settling disputes through negotiation - the WTO is infamously opaque when it comes to revealing how settlements were reached. Whether settling disputes or negotiating new trade relations, it's rarely clear which nations are in on the decision-making processes. The WTO has been attacked from both the left and right because of this reticence.

    The left sees the WTO as the henchman of a shadowy clique of stronger nations forcing agreements that allow them to exploit less developed nations. This clique uses the WTO to crack open developing nations as markets to sell, while protecting their own markets against weaker nations' products. This view has its points, as the most economically powerful nations seem to set the WTO agenda and were the first to pass anti-dumping acts to protect favored domestic industries while also opposing similar actions by less powerful nations. (To examine this further, check out The Globalization Debate.)

  2. #2
    traducilo poi ti dò il link di un video di 10 minuti da tradurre se riesci a comprendere i dialoghi

  3. #3
    Ho messo la traduzione sulla diabloT nel topic "Traduzioni"

  4. #4
    Ancora sul WTO

    ___________________
    Da Wikipedia

    Ministerial conferences
    The topmost decision-making body of the WTO is the Ministerial Conference, which usually meets every two years. It brings together all members of the WTO, all of which are countries or customs unions. The Ministerial Conference can take decisions on all matters under any of the multilateral trade agreements. The inaugural ministerial conference was held in Singapore in 1996. Disagreements between largely developed and developing economies emerged during this conference over four issues initiated by this conference, which led to them being collectively referred to as the "Singapore issues". The second ministerial conference was held in Geneva in Switzerland. The third conference in Seattle, Washington ended in failure, with massive demonstrations and police and National Guard crowd control efforts drawing worldwide attention. The fourth ministerial conference was held in Doha in the Persian Gulf nation of Qatar. The Doha Development Round was launched at the conference. The conference also approved the joining of China, which became the 143rd member to join. The fifth ministerial conference was held in Cancún, Mexico, aiming at forging agreement on the Doha round. An alliance of 22 southern states, the G20 developing nations (led by India, China,[25] Brazil, ASEAN led by the Philippines), resisted demands from the North for agreements on the so-called "Singapore issues" and called for an end to agricultural subsidies within the EU and the US. The talks broke down without progress.

    Traduzione breve - Disaccordi tra paesi molto sviluppati e quelli in via di sviluppo emersono riguardo a 4 temi della conferenza di Singapore. La terza conferenza in Seattle finì in un fallimento con forti dimostrazioni di massa...
    Il G20 delle nazioni in via di sviluppo (gudato da India, Cina e Brasile) resistette alle richieste da Nord per gli accordi dei cosiddetti "punti di Singapore" e domandò la fine dei sussidi per l'agricoltura.



    Impact of subsidies
    Farm subsidies have the direct effect of transferring income from the general tax payers to farm owners. The justification for this transfer and its effects are complex and often controversial.

    Traduzione breve - I sussidi all'agricoltura hanno l'effetto di trasferire le entrate da coloro che pagano le tasse a quelli che possiedono terreni agricoli. Le giustificazioni di questo trasferimento sono complesse e spesso controverse.

    Global food prices and international trade
    Although some critics and proponents of the World Trade Organization have noted that export subsidies, by driving down the price of commodities, can provide cheap food for consumers in developing countries,[25][26] low prices are harmful to farmers not receiving the subsidy. Because it is usually wealthy countries that can afford domestic subsidies, critics argue that they promote poverty in developing countries by artificially driving down world crop prices.[27] Agriculture is one of the few areas where developing countries have a comparative advantage, but low crop prices encourage developing countries to be dependent buyers of food from wealthy countries. So local farmers, instead of improving the agricultural and economic self-sufficiency of their home country, are instead forced out of the market and perhaps even off their land. This occurs as a result of a process known as "international dumping" in which subsidized farmers are able to "dump" low-cost agricultural goods on foreign markets at costs that un-subsidized farmers cannot compete with. Agricultural subsidies often are a common stumbling block in trade negotiations. In 2006, talks at the Doha round of WTO trade negotiations stalled because the US refused to cut subsidies to a level where other countries' non-subsidized exports would have been competitive.[28]
    Others argue that a world market with farm subsidies and other market distortions (as happens today) results in higher food prices, rather than lower food prices, as compared to a free market.
    Mark Malloch Brown, former head of the United Nations Development Program, estimated that farm subsidies cost poor countries about US$50 billion a year in lost agricultural exports:
    "It is the extraordinary distortion of global trade, where the West spends $360 billion a year on protecting its agriculture with a network of subsidies and tariffs that costs developing countries about US$50 billion in potential lost agricultural exports. Fifty billion dollars is the equivalent of today's level of development assistance."[29][30]

    Traduzione in sintesi - Esportare i sussidi all'agricolutra fa abbassare i prezzi dei beni e può permettere ai consumatori di paesi ricchi di acquistare beni a basso costo, ma i prezzi bassi sono dannosi ai coltivatori che non ricevono sussidi, e favorisce la povertà nei paesi in via di sviluppo.
    Prezzi bassi portano paesi sottosviluppati a dipendere dai consumatori di paesi sviluppati.
    Avviene un processo chiamato "international dumping" dove gli agricoltori che ricevono sussidi possono abbassare i prezzi dei loro beni sui mercati esteri a un livello tale che gli agricoltori esteri che non ricevono sussidi non possono competere con prezzi così bassi.

    Nel 2006 alla conferenza di Doha non si concluse nulla perché gli US si riufiutarono di tagliare i sussidi.

    Poverty in Developing Countries
    The impact of agricultural subsidies in developed countries upon developing-country farmers and international development is well documented. Agricultural subsidies depress world prices and mean that unsubsidised developing-country farmers cannot compete; and the effects on poverty are particularly negative when subsidies are provided for crops that are also grown in developing countries since developing-country farmers must then compete directly with subsidised developed-country farmers, for example in cotton and sugar.[31][32] The IFPRI has estimated in 2003 that the impact of subsidies costs developing countries $24 billion in lost incomes going to agricultural and agro-industrial production; and more than $40Bn is displaced from net agricultural exports.[33] Moreover the same study found that the Least Developed Countries have a higher proportion of GDP dependent upon agriculture, at around 36.7%, thus may be even more vulnerable to the effects of subsidies. It has been argued that subsidised agriculture in the developed world is one of the greatest obstacles to economic growth in the developing world; which has an indirect impact on reducing the income available to invest in rural infrastructure such as health, safe water supplies and electricity for the rural poor.[34] The total amount of subsidies that go towards agriculture in OECD countries far exceeds the amount that countries provide in development aid.

    Tradotto in sintesi - I sussidi all'agricoltura diminuiscono i prezzi mondiali e questo significa che gli agricoltori dei paesi in via di sviluppo non possono competere. Nel 2003 l'impatto dei sussudi alll'agrcoltura sui paesi in via di sviluppo è costato 24 miliardi di dollari in perdite che sarebbero potute andare alla produzione agricola e agro-industriale. Siccome i paesi meno sviluppati sono molto dipendenti dai proventi dati dall'agricoltura, i sussidi all'agricoltura hanno, indirettamente, un effetto negativo sulle entrate disponibile che potrebbero essere stanziate per la ricerca di fonti d'acqua, l'energia elettrica e per lo sviluppo economico.

  5. #5
    Da NBC news.com
    >>> http://www.nbcnews.com/id/51504495#.UWbWvqJxRc0

    Nel testo:
    - All'insistenza dei paesi in via di sviluppo che non volevano avere tutto il carico delle riforme red-tape (che non so cosa siano), l'accordo di Bali include riforme limitate alle regole sul cibo e sull'agricoltura e un accordo speciale per i paesi poveri.
    - Ci saranno differnete sostanziali riguardo a come cambiare le regole su come accumulare le riserve di cibo, come richiesto da una coalizione di paesi in via di sviluppo guidata dall'India.
    - queste regole riguardo all'accomulo di riserve permetterebbero ai paesi poveri di comprare e immagazzinare prodotti agricoli eliminando la "cappa" sui sussidi all'agricoltura.

    qualcosa di simile viene riportato anche da reuters.com >>> http://www.reuters.com/article/2013/...93A0HB20130411

    ______________
    FAIR.org
    >>> http://fair.org/take-action/media-ad...le-in-seattle/

    Nelle proteste di Seattle, oltre a protestare contro corporazioni multinazionali, lo sfruttamento dei lavoratori etc.. vengono messi in luce:
    - WTO ha istituito leggi che forzano i paesi membri a ripudiare specifiche leggi che proteggono la salute pubblica e l'ambiente, che limita la libertà dei paesi per regolare gli investitori corporati, tutte le decisioni sono state fatte in segreto da un "unaccountable tribunal".

    **********_____________________
    Rete Ambiente
    >> http://www.reteambiente.it/sostenibi...di-all-agrico/

    L’entità dei sussidi è dirompente, se confrontata con i redditi dei paesi poveri. Il sussidio destinato all’industria del latte in Europa equivale a circa 913 dollari per ogni mucca, più del doppio del reddito medio procapite dell’Africa e 100 volte il reddito procapite fornito come aiuti all’Africa subsahariana.
    Nessun settore del commercio mondiale è più distorto di quello agricolo, con i paesi sviluppati che praticano sistematiche politiche di “dumping” (di vendita sotto i costi di produzione) grazie ai molteplici meccanismi di sovvenzione. La dimensione del fenomeno merita di essere ricordata con quattro casi.
    I produttori di cotone americani hanno ricevuto nel 2001 sussidi per 3,6 miliardi di dollari, vale a dire tre volte gli aiuti americani all’Africa (e più del doppio del prodotto interno lordo di paesi come il Burkina Faso o il Mali). Grazie all’entità di questi sussidi i produttori americani hanno aumentato le loro esportazioni e provocato un abbassamento dei prezzi mondiali di circa il 25%. La diminuzione dei prezzi mondiali del cotone si è ripercossa duramente sulla vita dei produttori di cotone dell’Africa Occidentale, dove 11 milioni di persone dipendono dalla coltivazione del cotone. Nonostante l’elevata produttività e competitività delle colture, i produttori africani hanno subito il dumping dei produttori americani. In Benin, la riduzione dei prezzi associata ai sussidi americani si è tradotta in una crescita del 4% della povertà (250.000 persone sotto la soglia di povertà) e in Burkina Faso ciò ha significato una perdita di entrate dall’estero ben superiore a quella degli aiuti e della soppressione del debito.

  6. #6
    Sempre focus sul WTO

    Investopedia
    >> http://www.investopedia.com/articles/03/040203.asp

    What Is The World Trade Organization?
    You may remember footage of WTO protests in Seattle. Similar protests also occurred in Spain, Italy, France and other country... Why do so many people oppose WTO?

    The WTO was born out from GATT which aimed to depress tariffs on trade, but where MFN country have privileged rights on trade. GATT aimed to make the status of all country like that of MFN countries.

    WTO replaced GATT in 1995. Specific sector like agricolture and ati-dumping measures have been addressed. Intellectual trading right have also been addressed such as investment of ideas, concept ...

    WTO is a system of global trade, it aims to provide economic peace. When a member agree and ratify WTO rules, these rules also become part of his legal system. When a company chose to begin a buisness abroad, WTO rules indicate\govern it what and how can be done.

    - How it functions
    Decisions are made thorugh consensus. If a dispute occure between 2 country WTO works to resolve it: when a country decide to raise trade barrier also WTO will raise trade barrier against that country.

    - Free Trade at what costs?
    Protest occurred in many countries becouse the lack of transparency during negotiations. Somebodies state that WTO free trade may be harmful to industry because measure raised to protect its industry are limits to free trade. Moreover WTO negotiations give support to brutal regimes that are pernicious to their own nation because they agree with WTO policies. Unfavorable government in favor of big buisness remain in power.

    Property right like intellectual rights are harmful to poor and needy countries. These countries cannot afford an HIV/AIDS patented drugs. They would better make themself this drugs, but if they do they will be affected to trade sanctions according to WTO intellectual rights.

    - Conclusion
    WTO trade regulations favor foreign investors rather than countries where they invest. Regulations are made in favor of investor which always take advantage over local competition.


    Traduzione in sintesi - Cos'è il WTO?
    Il WTO è nato nel 1966 dal GATT che si poneva come obbiettivo quello di abbassare le tasse\gabelle\tariffe sul commercio
    Il WTO è un sistema di commercio globale e un paese deve aderire e seguire le sue regole se vuole aprire un attività commerciale in un paese estero.
    - Come funziona
    Le decisioni avvengono attraverso consenso. Se un paese dicide di alzare le "barriere" al commercio anche gli altri paesi alzeranno le barriere nei suoi confronti.
    - Mercato libero a quale costo
    Mancanza di trasparenze quando si trattano scambi con un altro paese. Dannnoso alle industrie che intendono proteggere i loro prodotti.
    WTO da sostegno a regimi brutali che sono dannosi e rovinosi per la loro stessa nazione così che governi abbietti in favore dei grossi affari restano al potere.
    LE proprietà dei diritti intelletuali sono anch'esse dannose a paesi sottosviluppati perché non possono accedere alle patenti HIV\AIDS per prodursi questi vaccini e son costretti a dipendere dai paesi sviluppati per questo.
    - Conclusione
    WTO favorisce gli uomini d'affari di paesi esteri piuttosto che quelli locali di un paese. Questi vengono sempre sopraffatti nella competizioni con gli uomini d'affari esteri.



    Globalization: Progress Or Profiteering?
    GLobalization supperters state that globalization enhance developing countries industries, technological advances. Globalization-aided advances and progresses are supposed to occur faster than in a normal trade market economy...

    Critics of globalizations says that it allow rich nations to do buisness where labor is cheaper, and it weakened national soverreignity.

    - The view from the Penthouse
    For global elite trade leader globalization is good because they can make products in foreign country where labor is cheap and sell goods and commodities in western countries where wages are high.

    - The View from the Street
    Companies brought their factories abroad where the labor force is cheaper. US Automotive factories are in MExico on in third world country where wages are even lower but they continue to sell goods in the US at normal market prices.
    Supporters of globalizations says that US companies abroad help foreing contry people to learn more about technology, to improve and update their skills, to advance theri knowledge of modern manufactury process and so on...

    - The view from the middle-ground
    ...a duble edged sword...

    - THe effects of globalization
    THe gap between the rich and poor is increased and is still expanding.
    Globalization did not promote, favor variety, it seems that it makes everithing (culture, fashion, etc...) similar to one another.

    - What lies ahead
    White collar jobs such as call centers, medical technicians are now part of the outsource parade (appalti).
    It seems that politicians aimed to make middle class disappear...

    - The bottom line
    Low wage workers suffer the most \ get hurt the most because their are not trasferable. Until a better solution is found flexibility and adaptability are the the keys to survival.

    Traduzione in sintesi
    Globalizzazione - Progresso o Profitto?
    I sostenitori della globalizzazione dicono che questo permette ai paesi sottosviluppati di fare dei progressi teconologici nel campo dell'industria. I critici della globalizzazione affermano che questa favorisce ad andare ad investire dove il lavoro costa meno e indebolisce molto la sovranità nazionale.
    - Visione da penthouse
    La globalizzazione è buona perché permette di investire dove il lavoro costa poco e vendere i prodotti in paesi dove i salari sono alti.
    - Visione dalle strade
    Le compagnie portano le loro fabbriche all'estero dove il lavoro costa meno, come è successo per il settore dell'automobile americano che ha trasferito le sue fabbriche in Messico.
    - Gli effetti dellla globalizzazione
    E' aumentato e continua ad aumentare il gap tra ricchi e poveri.
    La globalizzazione non favorisce la varietà, bensì rende tutto simile e conforme, rende ogni cosa simile all'altra...
    - Cosa ci aspetta davanti
    I lavori dei colletti bianchi sono diventati parte della "parata degli appalti"
    Pare che le politiche globali stiano facendo sparire la classe media
    - La linea di fondo
    I lavoratori a basso reddito sono la classe più colpita perché non possono trasferirsi da un paese all'altro. Finché una soluzione nuova non viene trovata la flessibilità e l'adattabilità sono le chiavi per la sopravvivenza.

  7. #7
    Sostenibile blogosfere
    >>> http://sostenibile.blogosfere.it/200...i-europei.html

    Nel giugno 2003 il Consiglio dei ministri europei ha approvato la riforma della PAC (Politiche Agricole Comunitarie) eliminando ogni legame tra produzione effettiva e diritto ai sussidi. Con la riforma la concessione del sussidio è condizionata al rispetto di alcune norme in materia di sicurezza alimentare e protezione dell’ambiente (ecocondizionalità).

    Andiamo a vedere sul terreno a quanto ammontano questi sussidi e chi puo’ ottenerli.
    La metà della superficie europea è adibita ad agricoltura. Le PAC costituiscono il 40% del budget europeo e dovrebbero essere destinati agli agricoltori (il 5% della popolazione europea). Ogni cittadino europeo spende circa 100-120 euro l’anno per finanziare la PAC. L’80% dei sussidi Pac è distribuita attualmente a Francia, Italia e Germania.
    L’Italia riceve oltre 5 miliardi di euro e sono circa 1,8 milioni i soggetti in Italia che incassano un contributo.

    Per poter ricevere il sussidio occorre farne richiesta e certificare di disporre di una certa superficie di terreni mantenuti in condizioni tali da poter essere usati per finalità agricole. Non occorre coltivarli effettivamente.

    Tra i soggetti sussidiati, 700 grandi aziende agricole ricevono il 15% del totale dei contributi europei. L'8% degli agricoltori italiani ricevono il 50% dei sussidi. Le aziende italiane con meno di 20 ettari sono (dati ISTAT) quelle che stanno lentamente scomparendo.

    Ma quali tipologie di coltivazioni sono finanziate? Praticamente tutte, inclusa la coltivazione dei tabacchi.

    Le produzioni meno convenienti sono abbandonate, in primis il grano duro, e si registra un calo della produzione un po’ in tutti i settori. Molte aziende agricole a conduzione familiare (quelle che in genere curano di piu’ la qualità) sono fallite o stanno per fallire.

    Conclusioni
    L’UE sussidia la mera proprietà di terreni a vocazione agricola L’UE sussidia la coltivazione dei tabacchi, ma poi emana regole restrittive sulla pubblicità dei prodotti da tabacco con la conseguenza di disincentivare la produzione e eroga finanziamenti a progetti pubblici di prevenzione di talune malattie, talora correlate al consumo di tabacchi.
    In genere pensiamo che i sussidi all’agricoltura servano ad aiutare i coltivatori a sopravvivere al crollo dei prezzi. In realtà i sussidi sono destinati soprattutto a grandi aziende che camperebbero anche senza il sussidio e a proprietari di grandi superfici che non esercitano necessariamente attività agricola (la regina d’Inghilterra riceve i sussidi della PAC).
    Allegato 53
    Schema illustrativo che mostra i vantaggi ottenuti dalla regina d'Inghilterra

    Le piccole aziende a conduzione familiare sono lasciate a sé stesse e stanno rapidamente scomparendo.

  8. #8
    Contatta James che ti dovrà abilitare per cancellare i messaggi

  9. #9
    Wto, l'Organizzazione mondiale del commercio è in declino
    fonte: http://www.lettera43.it/economia/mac...4367594253.htm


    [Ho fatto un copia e incolla di alcune cose scritte sul sito]

    Il movimento No global lo ha sempre considerato l'espressione dei tratti più deteriori del neo liberismo, il congegno attraverso il quale il Nord del mondo riusciva ad affamare il Sud: il mostro del capitalismo fatto organizzazione.
    Ora invece la World trade organization, (Wto, ovvero l'organizzazione mondiale del commercio) conta sempre meno.

    MECCANISMO INCEPPATO. Finora, il sistema Wto ha condotto a una progressiva e costante integrazione dei mercati. Ma negli Anni 2000 il meccanismo si è inceppato. E il motivo è soprattutto l'aumento del peso dei Paesi emergenti, capaci di fare da contrappeso all'asse Usa-Ue-Giappone. Per capirlo, basta guardare come funzionano gli ingranaggi dell'organizzazione di Ginevra.


    La crisi del sistema dei negoziati e il boom degli accordi bilaterali
    A Ginevra siedono i rappresentanti diplomatici di tutti gli Stati membri. Le trattative, infatti, sono continue. I 27 Paesi dell'Unione europea inviano un unico staff diplomatico che fa riferimento a Bruxelles. Le decisioni vengono prese nella maggioranza dei casi all'unanimità. E poi sono ratificate dai parlamenti dei singoli Paesi.
    Con questo sistema, il risultato dell'intesa è influenzato in misura maggiore dalle nazioni che si presentano al tavolo con maggiore peso politico ed economico. Fino agli Anni '90, fondamentalmente gli Stati Uniti, l'Europa e il Giappone, poi anche l'India, la Cina, il Brasile.

    DAZI CONTRO SUSSIDI. Il processo si è arenato in un muro contro muro. I Paesi emergenti, Brasile in primis, non vogliono eliminare i dazi sui prodotti industriali. Mentre Europa e Stati Uniti non vogliono tagliare i sussidi alla propria agricoltura.
    I negoziati si sono avvitati su se stessi, le fazioni si sono moltiplicate e ogni Paese partecipa a più gruppi di pressione. Per il dossier agricoltura, per esempio, i fronti sono numerosi e sovrapposti. C'è l'Ue, ci sono gli Stati Uniti. Ma ci sono anche i Carneis, i Paesi che chiedono la completa liberalizzazione del settore agricolo, come Sudafrica, Argentina, Australia, Canada e Brasile. I G33 tra cui India, Venezuela, Nigeria, che chiedono una riforma parziale e flessibile. E soprattutto i G20 - capitanati da Brasile, India e Cina - che chiedono di metter fine al protezionismo occidentale. Il risultato è che l'accordo non si trova.

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •