Citazione Originariamente Scritto da Magazzinho Visualizza Messaggio
Tratto da quì
DIO È AMORE, MA È ANCHE IL RE E DECIDE LUI, NON NOI!
Alla luce della tua espressione ti ripropongo una parte di commento che non hai affrontato:

Hai considerato questi versi?:

Salmi 25:12
Chi è l'uomo che teme l'Eterno? Egli gli insegnerà la via che deve scegliere.

Questo è l'ammaestramento: Dio ti insegna la via da scegliere (Gesù) da SCEGLIERE, è nostra la scelta!


Proverbi 1:29
Poiché hanno odiato la conoscenza e non hanno scelto il timore dell'Eterno,

Dio ha dato loro la scelta, tu Demi sei in grave errore

Proverbi 3:31
Non portare invidia all'uomo violento e non scegliere alcuna delle sue vie,

Isaia 7:15
Egli mangerà panna e miele fino a quando sappia rigettare il male e scegliere il bene.

Dio ammaestra per spingere a saper scegliere il bene, Demi questa è parola di Dio.

Isaia 56:4
Poiché così dice l'Eterno: «Agli eunuchi che osservano i miei sabati, scelgono ciò che a me piace e si attengono fermamente al mio patto,

Ora quì, nei seguenti due versi abbiamo la piena dottrina che cerco di farti comprendere sin dall'inizio, rifletti attentamente Demi:

Isaia 65:12
vi destino alla spada; cadrete tutti per la strage, perché quando ho chiamato non avete risposto, quando ho parlato non avete dato ascolto, ma avete fatto ciò che è male ai miei occhi e avete scelto ciò che mi dispiace».

Isaia 66:4
così anch'io sceglierò la loro sventura e farò cadere su di essi ciò che temono; poiché, quando ho chiamato, nessuno ha risposto, quando ho parlato, essi non hanno ascoltato; invece hanno fatto ciò che è male ai miei occhi e hanno preferito ciò che mi dispiace.


Dio non voleva la loro morte, Dio li ha chiamati ad ascoltarlo, loro hanno SCELTO si non senguirlo e Dio profetizza che periranno... Quì hai quello che fin dall'inizio ti cerco di far capire,:
la preconoscenza di Dio non inficia la libertà di scelta dell'individuo

Allo stesso modo in Genesi Dio insegna la via all'uomo, dice cosa deve e non deve fare e l'uomo (Adamo ed Eva) scelgono di fare ciò che a Dio dispiace. Dio non li ha creati per soffrire, Dio li ha creati per essere una sola cosa con lui, per vivere in eterno... chi è venuto nell'eden a togliere dal loro cuore la parola di Dio? SATANA
E questo è tanto vero che nella parabola del seminatore che tratterò dopo il concetto viene ribadito:
Luca 8:12
Quelli lungo la strada sono coloro che odono la parola; ma poi viene il diavolo e porta via la parola dal loro cuore, affinché non credano e non siano salvati.

Quindi non è vero che Dio predestina persone a non credere, dimentichi nell equazione Satana e attribuisci a Dio le cople di Satana.. questa è una incomprensione molto grave!

Giovanni 14:30
Non parlerò più a lungo con voi, perché viene il principe di questo mondo e non ha nulla in me;

Satana non può essere stato creato da Dio perchè non ha nulla in lui... Dio ha creato Lucifero, uno splendido angelo che per sua scelta ha deciso di diventare Satana (il divisore) e il Diavolo (il calunniatore), di ambire al trono di Dio e di sviare l'uomo..E gli angeli che l'hanno seguito sono diventati (Demoni). Satana ha scelto di dividere i figli di Dio da Dio, ha scelto di calunniare Dioaccusandolo di mentire, di essere tiranno, ha scelto di fare ciò che a Dio non piace, altri angeli hanno scelto di seguirlo hanno creduto alla sua parola e non a quella di Dio, altri ancora hanno invece creduto a Dio e non alle menzogne di Satana.

Dio non ha predestinato l'uomo a bruciare nella Genna:
Matteo 25:41-56

41 Allora egli dirà ancora a coloro che saranno a sinistra: "Andate via da me, maledetti, nel fuoco eterno che è stato preparato per il diavolo e per i suoi angeli. 42 Poiché ebbi fame e non mi deste da mangiare, ebbi sete e non mi deste da bere, 43 fui forestiero e non mi accoglieste, ignudo e non mi rivestiste, infermo e in prigione e non mi visitaste".


NON ESISTONO UOMINI PREDESTINATI AL FUOCO ETERNO, quello venne prparato per Satana e gli angeli caduti, ma l'uomo che ha deciso di seguire questi ultimi nel giorno del giudizio faranno la fine che aspetta coloro che hanno DECISO di seguire.

Ma questo paradigma lella prescienza di Dio e del libero arbitrio dell'uomo lo abbiamo ovunque. A volte viene presentato separatamente nei versi, infatti possiamo avere l'aspetto della preconoscenza di Dio come nei versi da te citati, altre volte l'aspetto della libera scelta dell'uomo. Tu non puoi fare dottrina per mezzo di una parte sola di versi negando gli altri, poichè un fatto è innegabile, e cioè che Dio ci dà la possibilità di autodeterminazione indicandoci la via e lasciando a noi la scelta...se scegliere la vita o la morte che non significa affermare o negare che Dio non sia in controllo di tutto e non conosca ogni cosa.. tu ti perdi nella semantica che concerne la natura eccezionale di Dio che comunica con noi che siamo soggetti al tempo:

Deuteronomio 30:19
Io prendo oggi a testimoni contro di voi il cielo e la terra, che io ti ho posto davanti la vita e la morte, la benedizione e la maledizione; scegli dunque la vita, perché possa vivere, tu e i tuoi discendenti,

Dio ci fa scegliere... egli preconosce le nostre scelte sin dalla fondazione del mondo ma la scelta è nostra! Noi scegliamo se amarlo o no!
Quindi quando leggi ad esempio Romani 9:8-23
E che dire se Dio, volendo mostrare la sua ira e far conoscere la sua potenza, ha sopportato con molta pazienza i vasi d'ira preparati per la perdizione? E questo per far conoscere le ricchezze della sua gloria verso deivasi di misericordia, che lui ha già preparato per la gloria,
Dio non sta dicendo che i vasi d'ira non hanno avuto la scelta, ma che hanno potuto scegliere tra la vita (Gesù) e la morte (Satana) ed hanno scelto la morte, hanno preferito ciò che non piace a Dio, e i vasi di misericordia non dice che non hanno avuto scelta e sono l'elite di eletti al di là della loro volontà di esserlo, essi hanno invece scelto la vita non hanno dato ascolto alle menzogne di Satana e sono rimasti saldi nella parola di Dio...
ecco perchè Dio può utilizzare il linguaggio della competizione:
Apocalisse 3 Chi vince sarà dunque vestito di vesti bianche e io non cancellerò il suo nome dal libro della vita, ma confesserò il suo nome davanti al Padre mio, e davanti ai suoi angeli.

Ovvero chi resta saldo nella mia via, chi si lascia ammaestrare dal Padre e crede che io, Gesù, sono il Cristo morto per lavare i tuoi peccati (tutti abbiamo peccato) e non crede alle menzogne di Satana sarà nel libro della Vita. Dio ci da la vita quando nasciamo e siamo scritti nella vita; nel nostro percorso di vita facciamo scelte per Dio o contro Dio, che vuol dire essere scritti o depennati dal libro della vita... lasciamo e ritorniamo a Dio anche severe volte nell arco della nostra vita (Ovvio che Dio preconosce la fine e può dire chi al principio è e non è scritto nel libro della vita fin dalla fondazione del mondo... ma in questo caso non si riferisce nel particolare delle nostre scelte nella vita in cui scegliamo abbandoniamo e ritorniamo a Dio). Affronterò il tuo verso in cui Dio può affermare, senza stare li a soffermarsi sul particolare del vissuto dell'individuo, che egli conosce dal principio della fondazione del mondo chi non è scritto nel libro della vita.

Giosuè 24:15
E se vi pare cattiva cosa servire l'Eterno, scegliete oggi chi volete servire, o gli dèi che servirono i vostri padri di là dal fiume, o gli dèi degli Amorei, nel cui paese voi abitate; quanto a me e alla mia casa, serviremo l'Eterno».

Quì abbiamo la libera scelta di chi tra Satana e Dio sceglie Dio, i suoi statuti, la sua via.