Ho 56 anni quest'anno.......un tontolone!
Due anni fa, mio fratello al telefono mi dice.......tu hai avuto la casa......io niente!
Frase che non corrispondeva a quello che sapevo io....questo è stato l'inizio di un incubo.
Informatomi presseo notai e legali, è vero, mio padre nel 2003 mi ha fatto la donazione della casa in cui vivo, casa che alla sua dipartita sarebbe andata in linea ereditaria....fino qui tutto bene fra varie traversie e bugie credute......del resto, se non credi a tuo fratello.......a chi credi?

Nel frattempo mi ero accorto di comportamenti come dire, strani di papà...... Fatti presente (chiaramente senza testimoni) a mio f che mi rispondeva.....fa i capricci.......fa sempre così....... C9glione io a crederci.....poi, nel giugno dello scorso anno, per uno stupido incidente, mio padre è stato toccato dalla macchina del mio vicino, è stato ricoverato in ospedale, 22 giorni dopo dimesso a seguito di un mio intervento diretto portato a casa invece che in RSA.
A seguito di una TAC di controllo alla testa, ho approfittato per recarmi dal medico di famiglia in modo da poter avere la possibilità di chiedergli delucidazioni sui suoi comportamenti....... Non c'è ne è stato bisogno, guardando i referti mi ha detto;
Tuo padre è guarito come un bambino, per la sua malattia lo sappiamo......
Gli ho risposto, che malattia? Tu lo sai......io no! Mi spieghi? La diagnosi e stata: demenza senile con comportamenti simile alzheimer..... Calcio nelle p. Fa meno male.
Ho richiesto immediatamente l'impegnativa per la visita specialistica che, mentre prontamente scrive, dice.....guarda che l'avevo già fatta a tuo f......scusate ma.....non lo considerò più tale e non riesco più a dirlo......dicevo, due anni fa.
Sotto agosto.....niente visita......a settembre finalmente....... Risultato, alzheimer conclamato da almeno due anni.

Nello stesso periodo iniziano i sospetti che il basso moralmente fratello con sua moglie, gestissero il suo patrimonio direttamente...... A questo punto un'altra tegola, che mi porta a conoscere le persone di cui ho detto e, fortunatamente momentaneamente dalla stessa parte, conoscenza che è avvenuta a Bucarest presso la sede della banca nazionale rumena con il dott. Cinteza come che dire.....inquisitore?????
Vabbe', morale della favola, quel giorno ho dato del raccontapalle anche a lui.

Non mi dilungò, muore mio zio, due mesi dopo la banca fondata da lui, un socio rumeno e mio padre, viene attaccata.
Questo porta mio cugino, l'Innominato e me a Bucarest per cercare di risolvere.....in poche parole, a dare l'appoggio al socio per salvare il tutto e li scopro che la cosiddetta banca ponte, ..... Non faccio il nome, è quasi fallita mentre l'altra no......il gioco delle tre carte e, si invertono i fattori, qualcuno ha speso circa un milione per.....presumo.....comperare le azioni di un fallimento, fare in modo che la società sana venga assorbita da quella malata terminale e....miracolo!!!!!!si guadagnano milioni :-(

Proseguo appena possibile e.....chiaramente non ho spiegato tutto, scusate
Ciao.